Faròarte … o armeno potrò dì che c’hò provato.

POESIA FAROARTE 4

Arte .

E’ quello che vojo esprime in questa vita,
puro se er messaggio che da sto monno  m’ariva,
‘m parte, me spigne a la deriva.

Tutti me dicheno
“Ammolla l’arte, che so i sordi che fanno girà e carte”.

E  sippure  e difficortà  so tante,
ho deciso che m’accollo,
io, l’arte nu l’ammollo.

Vivo drento sta società ‘n dove certi valori se so persi de vista,
ma armeno potrò dì de avè provato a vive d’ artista,
trasmettenno un messaggio costruito co le mano,
che nasce dar profonno dell’essere umano.

Male che và sarà er dono che avrò fatto a me medesimo,
contro er gioco de e carte,
riuscenno, a fanne ‘n opera d’arte.

E se parlà de artista ve pare che carco troppo a mano,
nun c’è probblema,
me piace puro da esse ‘n artiggiano.

Si nummesbaio, li turisti che ariveno da ste parti,
vengheno a rimirà li manufatti
nati da n’espressione de le arti,
e ner venicce da lontano, ste bellezze a rimirà,
ce porteno puro li sordi pe magnà.

Quindi,  miei cari signori, sti artisti e artiggiani,
che lavoreno co a testa, cor core e co e mani,
vanno armeno ringrazziati,‘n ‘vece d’esse martrattati.

Se c’avemo ner paese sto tesoro costruito co le mani,
lo dovemo all’artisti e all’artiggiani,
der passato e der presente,
senza toie gnente a tutta l’antra brava gente.

Ma stamo morto attenti, perché sta società,
co l’urtima lezzione,
ce sta a fa diventà, na razza in estinzione.

Eros Salustri.
(co licenza parlanno, i.v.a. inclusa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CreArtigianato & Progetti Culturali